Flai Cgil Emilia Romagna

False cooperative, appalti illeciti, caporalato e somministrazione illegale di manodopera nel settore della macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni


Home
Le inchieste
il Paese del maiale
Rassegna stampa
 
Rapporto Agromafie
La depenalizzazione
Iniziative FLAI CGIL

 

Il caso Castelfrigo
Il caso Alcar Uno
Il caso INALCA
Il caso SUINCOM
L'OMICIDIO
Il caso LIBERA
Il caso ITALPIZZA
Il caso Mec Carni
Il caso Work Group
Il caso Italcarni
Il caso Esselunga
Il CRAC PowerLog
Il caso PowerLog
Prosciutti e salumi
Coop e caporalato
Somministrati
Norme calpestate
Reggio Emilia
Foto
Info
 

Skype Me™!

 

Il caso ITALPIZZA

Ecco un esempio nel quale, "l'etica" ,non riesce, o non vuole, contrastare la somministrazione irregolare di manodopera

Gli eventi e le situazioni presenti in queste pagine sono stati ampiamente comunicati e segnalati, oltre che alle istituzioni competenti, anche a chi dovrebbe controllare l'applicazione della certificazione etica. Purtroppo, la situazione attuale, dopo un significativo miglioramento ottenuto dopo la citata verifica ispettiva, è precipitata come all'epoca dei "furbetti delle cooperative".

Questi soci lavoratori sono il risultato di chi, nella grande distribuzione organizzata, dietro lo slogan "continuiamo ad abbassare i prezzi", vede precipitare al ribasso le proprie condizioni di lavoro perchè qualcuno lo deve pur pagare l'abbassamento di questi prezzi!

La dura legge del profitto, altro che differenze rispetto ad altri soggetti imprenditoriali

 

UN PO' DI STORIA, CHE SI LEGA A QUESTO PRESENTE

I primi effetti dello tsunami POWERLOG: ITALPIZZA LIQUIDA IL CONSORZIO E APPALTA LE LAVORAZIONI AD ALTRA COOPERATIVA

Via il consorzio "malaticcio", sotto un altro bello fresco, pulito, lindo e pieno di buoni propositi: LOG - ITALIA. Vedremo se, questi nuovi cooperatori, avranno, o se gli daranno, la possibilità di praticare i sani principi della cooperazione.

I sindacati però non ci stanno: quei soci lavoratori devono essere assunti dall'ITALPIZZA.

Ecco un esempio di impresa che "dovrebbe" garantire, in qualità di fornitore, un "comportamento eticamente corretto". I sindacati chiedono la verifica dei requisiti.

 

[leggi il comunicato del sindacato]

 


Ordine del giorno approvato il 18 settembre dai soci lavoratori della cooperativa CO.FA.M.O occupati presso l'ITALPIZZA

VERSO LO SCIOPERO SE NON CI SARA' UN SERIO IMPEGNO ALLA STABILIZZAZIONE DEI LAVORATORI

 

Ecco come si fanno i "cambi di appalto" all'ITALPIZZA: volantino anonimo affisso nei locali dell'azienda, quindi per forza deve essere riconducibile all'azienda stessa. In sostanza: se vuoi rimanere in ITALPIZZA firma! Alla faccia delle autonomie imprenditoriali e del rischio di impresa degli appaltatori!

[leggi il volantino]

 

 


IL VOLANTINO INFORMATIVO DEL SINDACATO CONSEGNATO AI SOCI LAVORATORI APPALTATI IN ITALPIZZA

Il volantino fa il punto della situazione sullo stato della vertenza con l'azienda committente e sottolinea che lo stato di agitazione sindacale continua ed evidenzia che lo sciopero è sospeso.

 

 


I SOCI DELLA COOPERATIVA VEGA (EX POWERLOG): “ADESSO BASTA, VOGLIAMO UN LAVORO VERO”!

STANCHI DELLA LORO CONDIZIONE, DOPO IL CRAC POWERLOG, CHIEDONO IL RICONOSCIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO PRESSO L’AZIENDA COMMITTENTE: L’ITALPIZZA DI MODENA!