Flai Cgil Emilia Romagna

False cooperative, appalti illeciti, caporalato e somministrazione illegale di manodopera nel settore della macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni

Home
Le inchieste
il Paese del maiale
Rassegna stampa
 
Rapporto Agromafie
La depenalizzazione
Iniziative FLAI CGIL

 

Il caso Castelfrigo
Il caso Alcar Uno
Il caso INALCA
Il caso SUINCOM
L'OMICIDIO
Il caso LIBERA
Il caso ITALPIZZA
Il caso Mec Carni
Il caso Work Group
Il caso Italcarni
Il caso Esselunga
Il CRAC PowerLog
Il caso PowerLog
Prosciutti e salumi
Coop e caporalato
Somministrati
Norme calpestate
Reggio Emilia
Foto
Info
 

Skype Me™!

 

IL CASO CASTELFRIGO

 

La vertenza Castelfrigo è, sicuramente, una delle vertenze più dure, violente e rappresentative della degenerazione in atto nel distretto alimentare della provioncia di Modena. Una vertenza che continua a rimettere all'ordine del giorno il futuro del distretto alimentare modenese, ma di tutta la filiera delle carni modenese e italiana.

Dura perchè, quanto denunciato da anni, dalla Flai Cgil di Modena e dell'Emilia Romagna, continua a non essere considerato come si dovrebbe dalle istituzioni locali, nonostante le chiare e palesi irregolarità presenti in questo distretto e in questa azienda, confermate anche dal Ministero del Lavoro [1] [2].  Continua l'impotenza istituzionale nel cambiare quelle Leggi che, di fatto, hanno aperto la strada a questo sistema di "somministrazione irregolare di manodopera", anzi, ne depotenziano anche quel residuo di deterrenza che ne era rimasto dopo l'introduzione della Legge Biagi e del Dlgs 276/03. Dura anche per la mancanza di volontà di chi rappresenta queste imprese, di isolare quegli imprenditori che "drogano" il mercato del lavoro ed esercitano concorrenza sleale alle imprese che vogliono comportarsi correttamente, rispettando le leggi e i contratti di lavoro.

Vertenza "violenta" per le tensioni che si sono registrate nei giorni dello sciopero e dei picchetti davanti ai cancelli d'ingresso dell'azienda, per i momenti di tensione con la polizia, per i momenti di tensione con i lavoratori che volevano entrare. Violenta perchè l'azienda non sta investendo sul rispetto dei contenuti dell'accordo sottoscritto in Prefettura, anzi, sembra investire tutte le sue energie contro la Cgil, i suoi delegati sindacali e i suoi iscritti.

Rappresentativa perchè in questa vertenza c'erano tutte le situazione che la Flai Cgil sta denunciando da anni: discutibili appalti a false cooperative, elusioni ed evasioni contributive e fiscali, sfruttamento dei lavoratori e fenomeni di moderno caporalato. Vertenza rappresentativa perchè il vero tema non è solo il rispetto delle norme di un contratto di lavoro, ma quello del rispetto della legalità.

Per legalità intendo l'applicazioni delle leggi di questa Repubblica, ad esempio: il pagamento delle tasse da parte di tutti, imprenditori e lavoratori, il rispetto delle normative sugli appalti.

Registro, però, una preoccupante indifferenza da parte delle istituzioni locali e nazionali, nonostante i tanti indignati appelli, interrogazioni, premesse di documenti o protocolli per intervenire sul distretto, con lo scoppio della vertenza Castelfrigo. Una indifferenza che sta diventando un "assordante" silenzio. Un silenzio che viene giustificato con questa considerazione: "così succede in tutta Italia e i Europa, non possiamo essere i primi a Modena". A questo proposito è utile ricordare uno degli ultimi atti compiuti dal Consiglio della Provinvia di Modena che aveva ben inquadrato il problema del territorio. Quel Consiglio votò un documento a larghissima maggioranza che aveva ben inquadrato il problema delle illegalità diffuse nel distretto alimentare di Modena.

Oggi, nonostante le tante roboanti dichiarazioni, devo registrare una non altrettanta determinazione, da parte di chi detiene il potere politico locale. Si continua a non comprendere che, su questa strada, come già scritto da oltre dieci anni su questo sito, si va a sbattere contro un muro.

Luglio 2016

Umberto Franciosi

Flai Cgil Emilia Romagna



Solidarietà ai delegati sospesi dalle cooperative in appalto della Castelfrigo

10 agosto 2016 Castelfrigo: una storia infinita di soprusi e pressioni sui lavoratori. Ieri l'incontro della Cgil con il Sindaco di Castelnuovo Rangone


"Lasci il tuo posto e vai in bagno? Per punizione resti a casa"

Dal Resto del Carlino di Modena del 29 luglio 2016. Articolo che fa il resoconto del Convegno e riporta il drammatico resoconto di un delegato della Cgil che lavora in una delle tante false cooperative del distretto alimentare modenese [leggi]


5 agosto 2016. Gazzetta di Modena. "Lavoratori, minacce di morte a chi non obbedisce: basta"

5 agosto 2016. Prima Pagina Modena. Castelfrigo, interrogazione di Baruffi (PD) alla Camera. "lavorazione carne e sindacati, il caso approda in Parlamento"


Castelfrigo: si licenziano i delegati Cgil e si favoriscono le elezioni di nuovi delegati con organizzazioni sindacali compiacenti [leggi]

VERTENZA CASTELFRIGO

LA VENDETTA DEI PADRONI

IL LICENZIAMENTO DI DUE DELEGATI SINDACALI DELLA CGIL

PRESSO GLI APPALTI DELLA CASTELFRIGO DI MODENA

RIPORTA IL CONFRONTO SINDACALE AGLI ANNI '60 [leggi]

i due lavoratori RSA licenziati



5 GENNAIO 2016 LA RIVOLTA DEI FACCHINI  ALLA CASTELFRIGO DI CASTELNUOVO R. (MO)



Vertenza Castelfrigo: raggiunto l'accordo per l'applicazione del contratto nazionale e della clausola sociale su appalti e legalità


19 febbraio 2016 Interpellanza urgente dell'On. Davide Baruffi (PD) sul caso Castelfrigo  
15 febbraio 2016 Interpellanza On. Paglia (Sinistra Italiana) sul caso Castelfrigo


Il "padrone delle ferriere": La reazione del proprietario della Castelfrigo, Ivano Ciriesi, che inveisce, urlando "siete delle merde" a più riprese e tira sberle e chi lo riprende.
Castelfrigo, 28 gennaio 2016, la contromanifestazione organizzata dall'azienda con degli operai dipendenti della Castelfrigo e delle cooperative. Da evidenziare che, una parte di questi lavoratori, durante i precedenti giorni di sciopero, erano tranquillamente davanti ai cancelli del'azienda a manifestare e, direttamente al sottoscritto, non hanno mai fatto notare momenti di dissenso, anzi esattamente il contrario. La storia del movimento operaio, con le sue luci e le sue ombre, si ripete anche in questa complicata vertenza. Umberto Franciosi  

MODENA, LAVORATORI SCHIAVI E FALSE COOPERATIVE NEL DISTRETTO DELLE CARNI

Servizio di Ballarò del 9 febbraio 2016

 


5 luglio 2016 Castelfrigo di Castelnuovo Rangone, proclamato lo stato di agitazione

24 giugno 2016 Alla Castelfrigo di Castelnuovo Rangone continua un clima intimidatorio nei confronti dei lavoratori che operano negli appalti

8 giugno 2016 CASTELFRIGO DI CASTELNUOVO RANGONE, L'AZIENDA SI PREPARA AD ESPELLERE I LAVORATORI SGRADITI

5 maggio 2015 CASTELFRIGO CASTELNUOVO RANGONE, SI RIAPRA IL CONFRONTO IN SEDE PREFETTIZIA

3 maggio 2015 CASTELFRIGO CASTELNUOVO RANGONE, OGGI SCIOPERO CONTRO GLI ATTEGGIAMENTI DISCRIMINATORI DELL’AZIENDA

17 febbraio 2016 Vertenza Castelfrigo: raggiunto l'accordo per l'applicazione del contratto nazionale e della clausola sociale su appalti e legalità

12 febbraio 2016 CASTELFRIGO CASTELNUOVO RANGONE, CONTINUA LO SCIOPERO, NUMEROSE LE ATTESTAZIONI DI SOLDIARIETÀ DI DELEGATI E LAVORATORI DI ALTRE AZIENDE [petizione sottoscritta]

12 febbraio 2016 Caso Castelfrigo. Giulia Grandi e Marco Bottura, rispondono a Matteo Richetti dopo l'infelice post sulla sua pagina facebook [il post dell'On. Matteo Richetti]

12 febbraio 2016 Caso Castelfrigo. Comunicato di solidarietà della FLAI di Parma: "La Vertenza Castelfrigo (MO) è la punta di un iceberg"

12 febbraio 2016 Comunicato delle RSU Grandi Salumifici Italiani in solidarietà ai lavoratori in lotta della Castelfrigo

11 febbraio 2016 Ordine del Giorno della CGIL Emilia Romagna

10 febbraio 2016 CASTELFRIGO DI CASTELNUOVO RANGONE, ROTTE LE TRATTATIVE, RIPARTE LA MOBILITAZIONE

10 febbraio 2016 False cooperative e le condizioni di sfruttamento dei lavoratori utilizzati negli impianti di macellazione: Ballarò ha reso verità e giustizia alla battaglia che la Cgil sta portando avanti da sola da anni.

10 febbraio 2016 Settore della lavorazione delle carni, bene la convocazione del tavolo provinciale: non più rinviabile un forte inte

1 febbraio 2016 CASTELFRIGO DI CASTELNUOVO RANGONE, NON SI TROVA L'ACCORDO IN PREFETTURA

27 gennaio 2016 La rivolta degli schiavi delle false cooperative nella lavorazione delle carni è un problema che riguarda tutti, anche Federalimentare.

27 gennaio 2016 CASTELFRIGO CASTELNUOVO RANGONE, DOPO LA CONVOCAZIONE IN PREFETTURA PRIMI PASSI AVANTI NELLA VERTENZA. SOSPESI SCIOPERO E PRESIDIO

26 gennaio 2016 Castelfrigo, Castelnuovo Rangone. Comunicato sindacale della FLAI CGIL di Modena con dichiarazione di sciopero

26 gennaio 2016 Modena, sciopero e presidio permanente alla Castelfrigo

25 gennaio 2016 Castelfrigo, Castelnuovo Rangone. Alta adesione allo sciopero di oggi. Si prosegue ad oltranza per una positiva soluzione della vertenza

23 gennaio 2016 Castelfrigo, Castelnuovo Rangone. Sciopero, lunedi 25 gennaio 2016, dei lavoratori degli appalti per il rispetto del contratto