Flai Cgil Emilia Romagna

False cooperative, appalti illeciti, caporalato e somministrazione illegale di manodopera nel settore della macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni

Home
Le inchieste
il Paese del maiale
Rassegna stampa
 
Rapporto Agromafie
La depenalizzazione
Iniziative FLAI CGIL

 

Il caso Castelfrigo
Il caso Alcar Uno
Il caso INALCA
Il caso SUINCOM
L'OMICIDIO
Il caso LIBERA
Il caso ITALPIZZA
Il caso Mec Carni
Il caso Work Group
Il caso Italcarni
Il caso Esselunga
Il CRAC PowerLog
Il caso PowerLog
Prosciutti e salumi
Coop e caporalato
Somministrati
Norme calpestate
Reggio Emilia
Foto
Info
 

Skype Me™!

 

 

MEC CARNI, il macello del gruppo Levoni dopo aver annunciato 42 licenziamenti e proposto contemporaneamente l'assunzione in cooperative esterne, ritira i licenziamenti e raggiunge l'intesa con i sindacati

Ancora tentativi di introdurre pseudo appalti e discutibili terziarizzazioni delle attività produttive per far fronte alle esigenze di competitività. Per ora, nel caso della MEC CARNI, i lavoratori hanno retto. Nel comparto della macellazione delle carni suine, però, i problemi rimangono: la voglia di appaltare fasi del processo produttivo, affidandolo a caporali che gestiscono false cooperative, rimane in tanti macellatori cooperativi o privati.

Ma quando se ne accorgeranno questi "illuminati" imprenditori che così pregiudichiamo uno dei settori strategici dell'economia italiana?

il comunicato conclusivo della vertenza [leggi]

l'articolo sulla Gazzetta di Mantova del 6/12/12 [leggi]

La solidarietà delle RSU ITALCARNI di Carpi (MO) alle lavoratrici e ai lavoratori della MEC Carni [leggi]

La risposta delle lavoratrici e dei lavoratori della MEC Carni alla lettera aperta [leggi]

Il comunicato stampa di FAI CISL, FLAI CGIL e delle RSU MEC CARNI di Marcaria (Gruppo Levoni) [leggi]

L'articolo della Gazzetta di Mantova del 19/11/11 [leggi]

L'articolo della Gazzetta di Mantova del 24/11/11 [leggi]

Gazzetta di Mantova. La lettera di un allevatore di suini [leggi]