Flai Cgil Emilia Romagna

False cooperative, appalti illeciti, caporalato e somministrazione illegale di manodopera nel settore della macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni

Home
Seguici su Facebook
 
Le inchieste
il Paese del maiale
Rassegna stampa
 
Rapporto Agromafie
La depenalizzazione
Iniziative FLAI CGIL
Osservatorio Diritti

 

Il caso Citterio
Il caso Castelfrigo
Il caso Alcar Uno
Il caso INALCA
Il caso SUINCOM
L'OMICIDIO
Il caso LIBERA
Il caso ITALPIZZA
Il caso Mec Carni
Il caso Work Group
Il caso Italcarni
Il caso Esselunga
Il CRAC PowerLog
Il caso PowerLog
Prosciutti e salumi
Coop e caporalato
Norme calpestate
Reggio Emilia
Foto
Info
 

Skype Me™!

 

PER LA LIBERTA' D'IMPRESA SUPER EFFICIENTI: SI APPLICA IL DECRETO SICUREZZA COME RICHIESTO DALLA LEGA. PER LA "RESPONSABILITA' SOCIALE D'IMPRESA" SI ASPETTA CHE ACCADA IL CAOS?

 

ITALPIZZA si appella alla Costituzione per rivendicare la “libertà d’impresa”, lo Stato risponde inviando i lavoratori della polizia per far rispettare il diritto costituzionale.
Il rispetto della Legge, prontamente richiesta dalle Istituzioni e da esponenti politici della Lega di Salvini, grazie anche allo sciagurato “Decreto Sicurezza”, produce già i suoi primi effetti: tre denunce!
L’altro diritto costituzionale, che rivendichiamo da anni come Flai Cgil, cioè quello della “responsabilità sociale d’impresa” nel settore degli appalti di manodopera nel distretto alimentare modenese e di tutto il Paese, lo Stato e le sue Istituzioni fanno poco o nulla per applicarlo.
Sarò distratto, ma non ho ancora sentito nessuno richiamare alla responsabilità Italpizza per quanto sta accadendo in quel sito produttivo. Italpizza non può ritenersi estranea di quanto sta accadendo dentro le sue mura e non è una questione di “applicazioni contrattuali”, ma di diritti, anche costituzionali.
E' BENE CHE QUALCUNO LO FACCIA VELOCEMENTE, PRIMA CHE SI FACCIANO MALE DEI LAVORATORI (MANIFESTANTI E POLIZIOTTI)!

 

Umberto Franciosi
Segretario Generale Flai Cgil Emilia Romagna