Flai Cgil Emilia Romagna

False cooperative, appalti illeciti, caporalato e somministrazione illegale di manodopera nel settore della macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni

Home
Seguici su Facebook
 
Le inchieste
il Paese del maiale
Rassegna stampa
 
Rapporto Agromafie
La depenalizzazione
Iniziative FLAI CGIL
Osservatorio Diritti

 

Il caso Citterio
Il caso Castelfrigo
Il caso Alcar Uno
Il caso INALCA
Il caso SUINCOM
L'OMICIDIO
Il caso LIBERA
Il caso ITALPIZZA
Il caso Mec Carni
Il caso Work Group
Il caso Italcarni
Il caso Esselunga
Il CRAC PowerLog
Il caso PowerLog
Prosciutti e salumi
Coop e caporalato
Norme calpestate
Reggio Emilia
Foto
Info
 

Skype Me™!

 

 

L'UTILIZZATORE FINALE "INVISIBILE"

Caporalato, sfruttamento, sottosalario, condizioni di lavoro disumane e..... una "FALSA COOPERATIVA" che gestiva centinaia di lavoratori, aiutato da un sindacalista corrotto della FAI CISL. 
Ieri a Latina, ma il "film" è così in altre parti d'Italia. 
Tutti ora, giustamente, contro le false cooperative che sono "sporche" e "cattive", ma nessuno che si chieda, ma perchè accade tutto questo?

ACCADE QUESTO PERCHE', ATTRAVERSO GLI APPALTI, SI CREANO LE CONDIZIONI PER ABBATTERE IL COSTO DEL LAVORO: AGGIRANDO LE NORME E CORRENDO POCHI RISCHI.
Le false cooperative e le Srl farlocche, non nascono perchè sono uno scherzo della natura ma perchè ci sono imprese che le utilizzano. Ma perchè non ci si pone qualche domanda: ma questi "utilizzatori finali" è possibile che non sapessero nulla di ciò che accadeva nei loro campi o, come accade dalle nostre parti, nelle loro aziende?
Questi "utilizzatori finali" se abbattono il costo del lavoro del 30/40% si porranno la domanda del perchè accade questo?
Le associazioni che rappresentano questi "utilizzatori finali" quando alzeranno la voce per isolarli o per instradarli sulla retta via?
Le istituzioni, tutte, del nord, del centro e del sud, ma anche dell'Emilia Romagna, invece di ripetere il solito ritornello contro le sporche e brutte cooperative spurie (ma ci sono anche le Srl farlocche!) perchè non incominciano a tirare le orecchie a questi "utilizzatori finali"? Mi sarò distratto, ma non ho mai letto o ascoltato nessun sussulto e nemmeno un lieve rimbrotto ferso questi "imprenditori" che creano concorrenza sleale e, attraverso l'APPALTO, si rendono COMPLICI dei livelli di sfruttamento che sempre troppo spesso leggiamo sui giornali e denunciamo pubblicamente come Flai!
Incominciamo ad indignarci contro chi utilizza questo strumento e non solo con lo strumento. E, lasciatemolo dire, un pò meno intolleranza e insofferenza verso quei sindacalisti e rappresentanti sindacali seri e onesti che, da decenni, si sbattono contro questo sistema!!!!!
Umberto Franciosi
Segretario Generale Flai Cgil Emilia Romagna