Flai Cgil Emilia Romagna

False cooperative, appalti illeciti, caporalato e somministrazione illegale di manodopera nel settore della macellazione, lavorazione e trasformazione delle carni

Home
Seguici su Facebook
 
Le inchieste
il Paese del maiale
Rassegna stampa
 
Rapporto Agromafie
La depenalizzazione
Iniziative FLAI CGIL
Osservatorio Diritti

 

Il caso Citterio
Il caso Castelfrigo
Il caso Alcar Uno
Il caso INALCA
Il caso SUINCOM
L'OMICIDIO
Il caso LIBERA
Il caso ITALPIZZA
Il caso Mec Carni
Il caso Work Group
Il caso Italcarni
Il caso Esselunga
Il CRAC PowerLog
Il caso PowerLog
Prosciutti e salumi
Coop e caporalato
Somministrati
Norme calpestate
Reggio Emilia
Foto
Info
 

Skype Me™!

 

 

ENNESIMO BLITZ DELLA GDF, ENNESIMA CONFERMA DI QUANTO STIAMO DENUNCIANDO DA ANNI, UN FILM GIA' VISTO CON UN FINALE GIA' SCONTATO!

Gira e rigira sempre le stesse irregolarità e reati: intermediazione illegale di manodopera, evasioni fiscali e contributive e concorrenza sleale.
Gira e rigira sempre comunicati senza sapere i nomi delle imprese coinvolte (committenti e appaltatori), grandi cifre che confermano quanto sia diffuso il fenomeno dell'illegalità nell'intermediazione di manodopera.
Gira e rigira le solite irregolarità nelle buste paga dei lavoratori coinvolti (meno ore dichiarate, tanto nero o trasferte e rimborsi inesistenti).
Gira e rigira i faldoni finiscono in Procura, dentro comodi scatoloni a prendere polvere, insieme agli altri faldoni degli scorsi anni.
Ovviamente i cittadini sono più preoccupati dei furti e degli scippi, quindi le priorità devono essere altre per le Aule dei Tribunali e, in mancanza di volontà politica per rendere la vita difficile ai furbetti degli appalti che rubano decine di milioni ai cittadini, gli anni passano e tutto va in prescrizione o in archiviazione!
LA COSA CERTA PERO', IN QUESTO GIRARE E RIGIRARE, CHE A PAGARE SARANNO PROBABILMENTE I LAVORATORI COINVOLTI CHE RICEVERANNO DELLE BELLE CARTELLE ESATTORIALI IN CUI VERRA' CHIESTO L'IRPEF NON PAGATA PER LE MODALITA' DI PAGAMENTO A CUI ERANO SOTTOPOSTI!
Mentre i committenti ignoti e innominabili, che non vengono citati come negli altri comunicati, cercheranno un'altra falsa cooperativa o una bella Srl, con i soliti prestanome provenienti da tutto il mondo, per far ripartire il gioco dell'oca dalla casella di partenza. L'importante è che l'economia giri e che tenga posizionato il nostro territorio ai primi posti.

[la notizia]

Umberto Franciosi
Segretario Generale Flai Cgil Emilia Romagna